Caricamento in corso...

IFWC: Una coalizione di aziende a sostegno del WWF

IFWC: Una coalizione di aziende a sostegno del WWF

In un mondo in cui si sprecano tonnellate di cibo, c’è chi ancora soffre la fame. Per contrastare questo paradosso,  alcune grandi aziende hanno deciso di affrontare concretamente il problema, unendosi nella lotta allo spreco alimentare

Più del 30% di ciò che produciamo, non viene poi consumato. Allo stesso tempo, più di 800 milioni di persone soffrono la fame. Solo in Europa, ogni anno vengono sprecate circa 88 milioni di tonnellate di cibo, con costi correlati stimati in circa 143 miliardi di euro. Un quarto del cibo sprecato a livello globale sarebbe sufficiente a sfamare 870 milioni di persone, ovvero il 12% dell’attuale popolazione mondiale.

Per rispondere in modo immediato a una situazione tanto insostenibile, sei grandi gruppi come Ardo, McCain, PepsiCo, SCA, Sodexo e Unilever Food Solutions hanno deciso di unire le forze con il WWF per creare l’International Food Waste Coalition (IFWC).

La Coalizione si fonda sulla la comune convinzione che, collaborando all’interno della catena di valore, le aziende rappresentino l’interlocutore più efficace per avviare un vero e proprio cambiamento, oltre a costituire un esempio tangibile per altre organizzazioni.

Un obiettivo primario della coalizione è quello di prendere in esame tutte le normative che favoriscono od ostacolano la lotta agli sprechi alimentari. Per esempio, al momento non vi è una legge in tutta l’Unione Europea che disciplini in modo uniforme il trasferimento di responsabilità tra il donatore e chi riceve le donazioni di cibo.

Inoltre, la Coalizione si impegna ad intervenire su tutta la filiera: gli sprechi si verificano infatti in ogni fase della catena di approvvigionamento, dalla produzione al consumo, e le dimensioni dei gruppi coinvolti consentono di coprire un’estensione geografica e funzionale difficilmente raggiungibile altrimenti.

Ciò che contraddistingue l’IFWC rispetto alle altre organizzazioni già attive sul tema è proprio questo approccio a tutto tondo: la coalizione coinvolge tutti gli organismi aderenti invitandoli ad assumersi la proprie responsabilità e ad adottare una strategia globale, focalizzandosi sulle azioni concrete per massimizzare l’impatto collettivo.