È il momento di ripensare l’educazione a livello mondiale

È necessario un nuovo approccio all’apprendimento affinché i sistemi educativi di tutto il mondo possano andare incontro alle esigenze della società e degli studenti. È ciò che emerge dall’incontro dei delegati della Conferenza sulla Qualità della Vita di Sodexo

“Quando andavo all’università, si dava molta importanza alla teoria e pochissima alla pratica”, ha detto Sanjit ‘Bunker’ Roy, fondatore e direttore del Barefoot College in India. Enfatizzare la teoria a scapito delle abilità pratiche, secondo Roy, rende gli studenti insicuri e spaventati dal mondo del lavoro.
È necessario che a scuola si impari com’è il mondo reale, ha affermato Esther Wojcicki, giornalista ed educatrice con 35 anni di esperienza, che sostiene il valore dell’insegnamento basato sui progetti e sui problemi. “Le cose che si ricordano della scuola sono quelle che si fanno, le esperienze pratiche, mentre ciò che viene memorizzato tende ad essere quasi completamente dimenticato entro tre anni”, ha detto. Gli studenti dovrebbero verificare concretamente almeno il 20% di ciò che imparano a scuola, piuttosto che ascoltare lezioni con il solo scopo di superare un test. Ma non accadrà nulla finché i leader politici non accetteranno il fatto che il sistema debba cambiare, ha concluso Wojcicki.

Serve equilibrio tra ricerca e insegnamento

La ricerca è importante per le università, ma non è sempre coerente con la necessità di fornire l’insegnamento migliore per gli studenti. “Abbiamo delle aspettative su cosa sia l’apprendimento, ma le dobbiamo rivedere”, ha osservato Porai Beaven Gwendere, studente dell’African Leadership Academy dello Zimbabwe.
La tecnologia sta guidando il miglioramento in alcune aree, ad esempio attraverso la progettazione di scuole focalizzata sulla funzione dell’apprendimento, piuttosto che sull’architettura stessa. “I bambini e gli studenti sono più importanti”, ha detto Takaharu Tezuka, architetto e professore all’Università di Tokyo.
Altre innovazioni, tra cui l’appello digitale, stanno trasformando l’esperienza degli alunni di tutte le età. La tecnologia rende più facile per gli studenti avere un maggiore controllo sui loro studi, secondo Gwendere, per esempio con lezioni online che consentono loro di studiare secondo il proprio programma.

I metodi di insegnamento devono cambiare

Migliorare l’istruzione rimane la grande sfida. Per riuscirci, occorre cambiare metodi e sistemi di insegnamento.
“Non sarei qui se non fosse per il mio insegnante di economia”, ha detto Philippine Dolbeau, fondatrice di New School, che a 15 anni ha sviluppato un’app di chiamata digitale. La sua insegnante ha innovato il metodo di insegnamento, invitando gli studenti a creare la propria start-up in classe per conoscere l’economia in modo diretto e concreto. “Dovremmo incoraggiare gli insegnanti a trasformare i loro metodi e consentire agli studenti di vivere i loro sogni”, ha detto Dolbeau.

Sono necessari anche cambiamenti della società

In India, i genitori sono il problema più grande che devono affrontare gli studenti, perché scoraggiano i figli dal seguire le proprie inclinazioni, ha detto Roy.
Anche la nutrizione e la salute hanno un impatto sul modo in cui si apprende e su ciò che si fa a scuola. “Gli studenti e gli insegnanti devono mangiare bene per imparare e insegnare bene”, ha detto Dolbeau.
Wojcicki ha lanciato una sfida a ciascuno dei delegati presenti: cosa può fare ognuno di noi per favorire il cambiamento dei concetti di insegnamento e apprendimento?